mercoledì, 23 agosto 2017

Il successo di Fuocoammare in tv

Il successo di Fuocoammare in tv

Successo per la prima di Fuocoammare in tv, andato in onda in prima serata su Rai3 nella Prima Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, con 2 milioni 273mila spettatori pari a uno share dell’8.8% e 7.614.055 contatti, terzo ascolto in valori assoluti. Il film su Lampedusa diretto da Gianfranco Rosi e premiato con l’Orso d’oro al Festival di Berlino e con il Nastro d’Argento special ora  candidato italiano all’Oscar 2017 come miglior film straniero. Un risultato straordinario per il documentario come hanno sottolineato il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto e la direttrice di Rai3 Daria Bignardi che anche scritto su Facebook “siamo tutti migranti, il loro dolore è il nostro”.  Come ricorda Cinecittà news per il film uscito in Francia lo scorso week end 20mila presenze – 7 sale solo a Parigi e 55 nel resto della Francia – e  Fuocoammare è stato letteralmente osannato  da ‘Le Monde’ a ‘Liberation’ – con grande soddisfazione del distributore Meteore Films. Intanto il pubblico affolla l’MK2 Beaubourg per la retrospettiva completa dedicata a Rosi. Successo anche al New York Film Festival per le 3 proiezioni di Fuocoammare, 7.8 e 16 ottobre, esaltato dalla critica, secondo il ‘Village Voice’ è “il più bel film del New York Film Festival”. Intanto: il distributore americano Kino Lorber ha pronto un piano di uscita con grandi numeri sull’intero territorio americano (da Los Angeles a Miami, da New York a Chicago, da Boston a San Francisco) dove uscirà il 21 ottobre, pronto a alla campagna per l’Academy Awards con la doppia possibilità come Miglior Film Straniero e Miglior Documentario.Sono 62 i paesi dove il film sarà distribuito (trattative ancora in corso per altri territori). 13 sono i paesi in cui è già uscito con un incasso di circa 500mila Euro (dato che non include la Francia dove è appena uscito). In Italia intanto è stato superato il milione di Euro, dove è uscito distribuito da 01 Distribution e Istituto Luce-Cinecittà.

 

 

Leggi anche