venerdì, 21 luglio 2017

I Rolling Stones aprono il Mese del Doc

I Rolling Stones aprono il Mese del Doc

Al via la IV edizione de Il Mese del Documentario, iniziativa di Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani in collaborazione con Casa del Cinema di Roma e quest’anno con il determinante sostegno di SIAE Società Italiana degli Autori ed Editori e della Regione Lazio.

Dal 23 gennaio al 19 febbraio  torna l’appuntamento annuale dedicato al rapporto tra grande pubblico e cinema documentario in un momento in cui il cinema documentario assume notevole importanza. La IV edizione de Il Mese è diretta da Pinangelo Marino, direttore Quaderno del Cinemareale e coordinata da Davide Morabito del direttivo di Doc/it.

The Rolling Stones Olé Olé Olé!: A Trip Across Latin America (UK, 2016, 105′) di Paul Dugdale aprirà il concorso lunedì 23 gennaio alle 20.30 alla Casa del Cinema di Roma. Il doc. sarà poi programmato il 29 a Milano al CineWanted, l’8 febbraio sempre a Milano al Cinema Beltrade, il 9 febbraio a Bologna al Cinema Lumiére  e ancora il 22 febbraio a Senigallia al Cinema Gabbiano.

Il film, presentato in Selezione Ufficiale all’ultima Festa del Cinema di Roma, è il ritratto di una band ancora sulla vetta del successo. Il documentario segue il tour dei Rolling Stones nei primi mesi del 2016 attraverso dieci città latinoamericane, conclusosi con un grande concerto all’Avana dove la band si è esibita per la prima volta. Un road movie che celebra il potere rivoluzionario del Rock – in modo divertente e indagatore.

Martedì 24 gennaio alle 20.30 sarà la volta di The Dreamed Ones (Austria, 2016, 89′) di Ruth Beckermann, che sarà proiettato in occasione del Giorno della Memoria. Già vincitore del Concorso Internazionale al Filmmaker Festival di Milano, in selezione al Torino Film Festival, e premiato al Cinéma du Réel 2016, il film riporta al presente uno dei carteggi più struggenti e significativi del ‘900: la corrispondenza che ha coinvolto due fra i più grandi poeti della loro generazione: Ingeborg Bachmann e Paul Celan. In anteprima romana. Il doc sarà inoltre in programmazione il 27 gennaio a Firenze al cinema La Compagnia, il 29 a Milano al CineWanted e il 2 febbraio sempre a Milano al Beltrade mentre il 25 gennaio a Senigallia al Cinema Gabbiano.

Lunedì 30 gennaio alle 20.30 sarà presentato Un altro me (Italia, 2016, 82′) di Claudio Casazza, girato nella casa di reclusione di Bollate (Milano) dove ha luogo il primo esperimento italiano di “trattamento intensificato” per responsabili di violenze sessuali. In Concorso Internazionale al Festival dei Popoli 2016, il film ha ottenuto il premio “MyMovies dalla parte del pubblico” per la categoria Concorso Internazionale. In anteprima romana.

Tra le altre date di programmazione il 31 gennaio sarà a Senigallia, il 1° febbraio a Milano al Beltrade, il 2 febbraio a Firenze al cinema La Compagnia, il 5 a Milano al CineWanted e l’8 febbraio a Bologna al Cinema Lumiére.

Martedì 31 gennaio alle 20.30 sarà la volta de Les Sauteurs (Danimarca, 2016, 82´) di Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé salutato alla Berlinale da Joshua Oppenheimer (The Act of Killing, The Look of Silence) come «un capolavoro di empatia e di immaginazione morale», premiato al Festival di Berlino con il Premio Amnesty International e in selezione al Biografilm 2016, è un film di spiazzante bellezza e umanità che racconta le storie dei migranti che si ammassano a Melilla, un’enclave spagnola in Marocco, con la speranza di raggiungere l’Occidente. In anteprima romana. Il 2 febbraio sarà a Senigallia al cinema Gabbiano e a Firenze al Cinema La Compagnia, il 5 a Milano al CineWanted, l’8 a Milano al Beltrade.

Les Sauteurs è distribuito in sala da ZaLab Associazione Culturale e I Wonder Pictures/Unipol Biografilm Collection.

Martedì 7 febbraio alle 20.30 sarà presentato Weiner (USA, 2016, 100′) di Josh Kriegman, Elyse Steinberg. Appassionante e provocatorio il film ritrae Anthony Weiner, discusso politico statunitense, durante la sua ultima avventura politica. Cellula impazzita di quel sistema politico-mediatico connesso con le vite di ognuno di noi. Vincitore del Sundance Festival 2016 Gran Premio della Giuria è in corsa per l’Oscar 2017. In anteprima romana.

Il documentario sarà presentato l’8 febbraio a Senigallia al cinema Gabbiano, il 9 a Firenze al cinema La Compagnia, il 12 a Milano al CineWanted e il 15 febbraio al Milano al Beltrade e sempre il 15 a Bologna al Cinema Lumiére Weiner.

Lunedì 13 febbraio alle 20.30 sarà la volta di You Have No Idea How Much I Love You (Polonia, 2016, 75′) di Paweł Łoziński, tra i più importanti documentaristi polacchi. Ewa e Hania, madre e figlia, sono filmate durante le loro delicatissime sessioni di psicoterapia, dove la parola, in cui risuona la biografica di ogni essere umano, è l’artefice d’ogni dolore e d’ogni amore che imprigiona, è la forza che trasforma i corpi e il tempo. Premiato al Festival dei Popoli 2016 con la targa “Gian Paolo Paoli” al miglior film etno-antropologico, in concorso all’IDFA, al Krakow Film Festival ha vinto il Premio Silver Hobby Horse. In anteprima romana.

Il documentario sarà in programmazione il 15 febbraio a Senigallia al cinema Gabbiano, il 16 a Firenze al cinema La Compagnia, il 16 a Bologna al Cinema Lumière, il 19 febbraio sarà programmato a Milano al CineWanted e il 22 febbraio sempre a Milano al Beltrade.

Martedì 14 febbraio alle 20.30 sarà proiettato Pescatori di corpi (Svizzera, 2016, 64′) di Michele Pennetta che sarà presentato in anteprima italiana per Il Mese del Documentario. Il doc è stato girato su un peschereccio fuorilegge del canale di Sicilia, tra naufragi e malavita. E’ stato presentato In concorso al Festival del film Locarno 2016 “Cineasti del presente”.

Il documentario sarà programmato l’8 febbraio a Senigallia al cinema Gabbiano, il 9 febbraio a Firenze al cinema La Compagnia, il 12 a Milano al       CineWanted e il 15 febbraio a Milano al Beltrade.

Tra i documentari in concorso, e già stato presentato a Roma il 21 Dicembre, Castro di Paolo Civati (Italia, 2016, 82′). Il Castro era un’occupazione abitativa romana, un rifugio per gli esclusi, una casa per tanti ma di nessuno. Per più di dieci anni è stata una possibilità di vita per molte famiglie. Ieri era tollerato, oggi non esiste più. Oltre un anno di riprese, per rivelare il quotidiano di una comunità che vive in una situazione straordinaria. Il Castro si racconta con la lingua dai mille accenti e da un’unica semantica, quella del diritto negato, quella del bisogno inevaso. Castro ha vinto al Festival dei Popoli 2016 il Premio “MyMovies dalla parte del pubblico” per la categoria Concorso Nazionale; il Premio Cinemaitaliano.info – CG Entertainment (distribuzione Home video); il Premio “Imperdibili” (distribuzione in sala).

Castro sarà presentato il 15 febbraio a Senigallia al cinema Gabbiano, il 16 febbraio a Firenze al cinema La Compagnia, il 19 febbraio a Milano al          CineWanted e il 22 febbraio sempre a Milano al Beltrade.

Tra gli appuntamenti del Mese del Documentario infine una serie di Masterclass con autori, registi, creatori e tutti quelli che si interrogano sulla realtà e la decodificano secondo una personale visione. Un percorso attraverso i processi di creazione del cinema e dei media. Durante gli appuntamenti alla Casa del Cinema di Roma si parlerà di narrazione e post-verità, di sperimentazione del linguaggio cinematografico, di satira, di nuove tecnologie e nuove narrazioni. Si entrerà nei processi di creazione di alcuni dei film documentari che più hanno inciso sull’immaginario del pubblico nell’ultimo anno. Un percorso attraverso gli scenari attuali e futuri del mercato e le nuove tecnologie che consentono di sviluppare nuovi modi di raccontare le storie e di fruirle.

Durante l’arco del Mese del Documentario alla Casa del Cinema interverranno alle masterclass, tra gli altri: Federica di Giacomo, Pippo Delbono, Massimo D’Anolfi, Martina Parenti, Zimmerfrei, Antonietta De Lillo, David Moscato, Markus Nikel, Rosario Di Girolamo, Kotiomkin, Sabina Guzzanti.

Il Mese del documentario dà la possibilità di essere presenti a tutti i film ed a tutti gli eventi del mese risparmiando e acquistando un abbonamento.

 

Leggi anche