sabato, 26 settembre 2020

Hunziker e Bova contro la violenza

Hunziker e Bova contro la violenza

Roma, 30 ottobre – Alla Scuola di Perfezionamento per le forze di polizia, si è svolto un incontro dal tema “Insieme contro la violenza”. Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza attraverso la Scuola di Perfezionamento per le forze di polizia ha offerto la propria partnership alla Fondazione Doppia Difesa per affrontare nuove forme di violenza di genere che possono sfociare in atti persecutori.

In evidenza, quindi, il tema dello “stalking” ovvero quella serie di atteggiamenti tenuti da un individuo che affliggono un’altra persona perseguitandola, generandole stati di paura e ansia, arrivando persino a compromettere lo svolgimento della normale vita quotidiana.

Un reato in crescita che colpisce prevalentemente le donne e che di recente ha attirato l’attenzione e la sensibilità, oltre che delle forze dell’ordine, di associazioni a tutela e prevenzione delle vittime.

Dopo il successo dello scorso anno con “Un’altra storia” Doppia Difesa, la Fondazione creata da Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno – diretta a fornire consulenza, assistenza legale e psicologica alle donne vittime diabusi e violenze – affronta con “Ancora un’altra storia” il fenomeno dell’Alienazione Parentale (AP).

“Ancora un’altra storia” è un cortometraggio scritto e diretto da Gabriele Pignotta, composto da tre diverse storie che trattano un tema comune. Queste storie sono proposte come tre spot distinti per la campagna Doppia Difesa. Il fine della campagna, che andrà in onda a novembre sulle principali emittenti TV nazionali, è quello di far conoscere un fenomeno ormai sempre più diffuso: l’Alienazione Parentale (AP).

Ogni storia ha come protagonista una coppia di personaggi: Raoul Bova e Andrea Osvart interpretano “UNA BELLA GIORNATA” in cui la madre tenta di mettere il figlio contro il suo ex marito; nel “IL COLLOQUIO” Rolando Ravello e Chiara Francini non trovano un accordo su come educare la figlia che ha problemi a scuola; Vinicio Marchioni e Ambra Angiolini discutono chi e quando debba vedere la figlia ne “I TURNI PER STARE CON LEI”. Tutti gli episodi guardano a una conclusione pacifica e condivisa tra i due ex coniugi, grazie all’utilizzo del dialogo, dapprima negato e infine cercato e accettato.

L’Alienazione Parentale ricorre quando, in situazioni di accesa conflittualità tra ex partner, i figli vengono strumentalizzati da un genitore ai danni dell’altro, ad esempio negando il diritto di vedere la prole o impedendo di partecipare alle decisioni più importanti che la riguardano.

Il fenomeno dell’Alienazione Parentale (capace di provocare seri disturbi relazionali nei figli) vede come genitore alienato non solo il padre, ma spesso anche la madre. Il cortometraggio, prodotto dalla One More Pictures di Manuela Cacciamani e Rai Cinema, in collaborazione con K+Film e Cannizzo Produzionirichiama l’attenzione su questi fenomeni, segnalando come sia possibile proteggere efficacemente i bambini coinvolti in contesti di separazione o divorzio conflittuale.

Attraverso il numero solidale 45506, dall’8 al 18 novembre tutti potranno fare una donazione per sostenere la causa di Doppia Difesa. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Tim, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile e CoopVoce. Sarà di 2 euro anche per ciascuna chiamatafatta allo stesso numero da rete fissa Vodafone e TW e di 2/5 euro perciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Infostrada e Fastweb.

Leggi anche