sabato, 15 dicembre 2018

Guerra, rivoluzione e riscatto al Tertio Millennio Film Fest

Guerra, rivoluzione e riscatto al Tertio Millennio Film Fest

Roma, 15 Novembre 2018- Un concorso con opere prime e seconde, premi e incontri con gli autori. La 22esima edizione del Tertio Millennio Film Festival, il festival del dialogo interreligioso declinerà così il tema di quest’anno: “I giorni della rivolta. Guerra, rivoluzione e riscatto”. Dall’11 al 15 dicembre si vedrà quello che il presidente della Fondazione Ente dello spettacolo Monsignor Davide Milani definisce: “Un programma di alto profilo, con film tutti inediti in Italia, provenienti da quattro continenti. Questo Festival è sempre più rilevante per il mondo del cinema, è un luogo di dialogo, di incontro, per le persone e per la settima arte”.
Il Festival è organizzato dalla Fondazione Ente dello Spettacolo (FEdS) con il patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura, del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, dell’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali CEI, dell’Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma, della Regione Lazio, di Avvenire, di TV2000 e Dipartimento di Lettere e Culture Moderne dell’Università Sapienza di Roma . Si svolge sotto la direzione artistica di Marina Sanna (vicedirettore della Rivista del Cinematografo) e di Gianluca Arnone (coordinatore editoriale della Fondazione Ente dello Spettacolo), e si propone come luogo di dialogo interreligioso e interculturale tra le comunità cattolica, protestante, ebraica e islamica, indagando i temi legati alla spiritualità. Partecipano al festival: l’Associazione protestante cinema “Roberto Sbaffi”, il Centro Ebraico Italiano “Il Pitigliani”, COREIS – Comunità Religiosa Islamica Italiana, INTERFILM, U.CO.I.I. – Unione delle Comunità Islamiche d’Italia, UCEI – Unione delle comunità ebraiche italiane, Chiesa Ortodossa russa e georgiana. Ad aprire la rassegna,
la proiezione del film Lysis di Rick Ostermann, seguito da La cotta di Ermanno Olmi. Molti i registi presenti agli appuntamenti nei giorni successivi per presentare le loro opere: Jewel Maranan (In the claws of a century wanting), Behrouz Noorani Pour (Dayan), Agnieszka Holland (Burning Bush) (Hořící keř/Il roveto ardente), Eliran Elya (Doubtful), Paul Barakat (Kairos), Mahmoud Ben Mahmoud (Fatwa), Lia e Marianna Beltrami, Alganesh Fessah e il cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson (Alganesh), Lucien Bourjeily (Heaven without people). Venerdì 14 dicembre Carlo Verdone ricorderà il regista Sergio Leone. La stessa sera, al cinema Trevi, la consegna dei premi della Fondazione Ente dello Spettacolo e della Rivista del Cinematografo attribuiti a protagonisti del mondo del cinema, della televisione e della cultura.

Leggi anche