lunedì, 21 agosto 2017

Cinema hard a Torino

Cinema hard a Torino

Via il 19 gennaio a Torino per la seconda edizione di Fish&Chips, unico festival italiano dedicato al cinema erotico. In quattro giorni saranno presentati 55 film, di cui 11 in concorsi e 32 corti. Quattro gli incontri e 2 le mostre. Il festival diretto da Chiara Pellegrini e sostenuto dal Museo Nazionale del Cinema si apre con il film giapponese Belladonna of Sadness del giapponese Eiichi Yamamoto, in anteprima nazionale nella versione restaurata in 4k e dedica omaggi a  Giuliana Gamba, la prima regista che ha diretto cinema hard in Italia  e alla pornostar  Marilyn Chambers. La Gamba ha sperimentato per prima il cinema erotico in Italia non solo come regista, ma anche come sceneggiatrice e produttrice, contribuendo alla rivoluzione sessuale che negli anni 80  ha concluso quella rivoluzione iniziata dieci anni prima non solo nel cinema, in Italia, fin dagli esordi nel 1981 con con Pornovideo (firmato con lo pseudonimo di Therese Dunn).Giuliana GAmba ha diretto poi Claude e Corinne, un ristorante particolare; e firmando come John Costa La lingua di Erika. Nel 1989 ha firmato con il suo nome poi La cintura tratto da un testo di Alberto Moravia e interpretato da Eleonora Brigliadori con il quale il Festival le rende omaggio. Marilyn Chambers, scomparsa nel 2009 a 57 anni, aveva debuttato nel cinema hardcore con Behind the Green Door che il festival ripropone e che la lanciò come la pornostar della “Golden Age of Porn” alla quale Torino dedica anche Rabid – Sete di sangue del 1977 di David Cronenberg.

 

Leggi anche