sabato, 16 novembre 2019

Alice nella città e il Torino Film Festival per l’omaggio a Gianni Amelio

Alice nella città e il Torino Film Festival per l’omaggio a Gianni Amelio

Roma, 16 ottobre – Alice Nella Città e il Torino Film Festival omaggiano il cinema di Gianni Amelio con due restauri che attraverseranno i due festival. Alice nella città ospiterà la proiezione della versione restaurata del film LA FINE DEL GIOCO del 1970, preziosamente conservato nell’archivio di Rai Teche insieme a molti altri capolavori del passato realizzati dai grandi maestri del cinema per la Rai, mentre il 37° Torino Film Festival proietterà la versione restaurata de IL LADRO DI BAMBINI (1992).

Dichiarano Fabia Bettini e Gianluca Giannelli, Direttori Artistici di ALICE NELLA CITTA’ “La fine del gioco è un film quasi profetico, perché anticipa Il ladro di bambini (1992) per il tema del viaggio e della prova fra adulto e adolescente e che disvela tutto il suo carattere di riflessione meta-cinematografica, in cui Amelio con un approccio finto-documentaristico si interroga sul metodo, sulle responsabilità e soprattutto sulla possibilità di fare televisione verità.”

Emanuela Martini, direttore del Torino Film Festival, dichiara: ”Il ladro di bambini, oltre a essere uno dei film più popolari e amati di Gianni Amelio, si colloca a un crocicchio ideale, tra gli anni tormentati di Colpire al cuore e Porte aperte e i grandi affreschi che riflettono sulla nostra Storia e la nostra cultura (anche contemporanee), Lamerica e Così ridevano. Il ladro di bambini è un raro “road movie” italiano, da nord a sud tra disastri e speranze, attraverso gli occhi di tre “ragazzi” di età diverse, a volte occhi ancora “vergini”, a volte occhi penosamente consapevoli. È del 1992, anno di tangentopoli: è un film libero, in cui si respira aria. E l’aria che ogni tanto allevia il dolore nei film dell’autore è un prezioso regalo ai suoi personaggi e al suo pubblico, Il pubblico del Torino Film Festival sarà felice di accogliere uno dei suoi precedenti direttori”.

La proiezione del 25 ottobre alle 19.30 sarà anticipata da un incontro con il regista moderato da Emiliano Morreale.

Leggi anche